15.11.2013
 ELLE MAN, il nuovo magazine per l’uomo contemporaneo, sceglie Uno Bright Gloss

Il 3 ottobre 2013 è uscito in Francia il primo numero di ELLE MAN, nuovo bimestrale di stile, cultura e società di ELLE, primo brand di magazine femminili di alta gamma nel mondo.

Le 196 pagine di ELLE MAN, in 150 mila copie, sono stampate su carta Uno Bright Gloss da 80 grammi, prodotta da Burgo Group: una scelta che conferma l’attenzione dell’editore di sottolineare la qualità di un prodotto editoriale anche attraverso un supporto di tendenza, gradevole al tatto e in grado di garantire un impareggiabile confort di lettura grazie alla superficie uniforme e al superiore grado di liscio.

Uno Bright è la carta MWC (Medium Weight Coated) per stampa rotooffset con un alto grado di bianco, lucido e opacità, studiata appositamente per le riviste di alta fascia, molte delle quali sono già partner della gamma Uno Bright a livello internazionale.

Come ELLE MAN (al singolare solo in Francia, per differenziarsi dalle edizioni internazionali di Elle Men, presenti in undici paesi, con una forte presenza in Asia) che si aggiunge alle 44 edizioni di ELLE e alle sue diverse declinazioni nel mondo – ELLE Décoration, ELLE à table, ELLE Girl – raggiungendo oltre 33 milioni di lettori.

ELLE MAN è declinato in cinque sezioni, dedicate all’uomo che sa “scegliere”, scoprire nuovi “stili”, vuole conoscere il mondo attraverso i reportage del “magazine”, cerca l’eleganza nella sezione “moda” ritratta da grandi fotografi per saperne cogliere differenze e sfumature, si informa sulle nuove tendenze del “lifestyle”. ELLE MAN parla quindi all’uomo che ama la moda e lo stile, vuole essere informato ma sa anche divertirsi, guardando oltre gli stereotipi.

Uno Bright è inoltre certificata FSC ® mix credit o PEFC (su richiesta), è disponibile da 65 a 115 grammi nelle finiture Gloss e Satin.

Maggiori informazioni sulla carta Uno Bright Gloss o Satin su www.burgopapers.com

ELLE MAN, the new magazine for contemporary man, chooses Uno Bright Gloss

On 3 October 2013 the first number  of ELLE MAN came out in France, the new bi-monthly covering style, culture and society published by ELLE, the world’s leading up-market magazine brand for women.

The 196 pages of ELLE MAN are printed in 150,000 copies on Uno Bright Gloss 80 gsm paper produced by Burgo Group. A choice confirming the publisher’s aim to also emphasise the quality of the magazine by selecting a trendy paper, one that is pleasant to the touch and extremely comfortable to read thanks to its even surface and outstanding smoothness.

Uno Bright is a MWC (Medium Weight Coated) paper for web offset printing with excellent brightness, gloss and opacity designed specifically for top-end magazines, many of which are already partners of the Uno Bright range at international level.

ELLE MAN (the singular is only used in France to distinguish it from the international editions of Elle Men on sale in eleven countries and with a strong presence in Asia) joins the other 44 editions of ELLE and its several versions found throughout the world – ELLE Décoration, ELLE à table, ELLE Girl – with a readership of over 33 million.

ELLE MAN has five sections dedicated to the discerning man who knows how to ‘choose’, discover new ‘styles’, wants to explore the world through articles in ‘magazine’, looks for elegance in the ‘fashion’ section illustrated by top photographers who know how to capture new features and nuances, a man who wants to keep abreast of the latest trends in ‘lifestyle’. So ELLE MAN addresses the man who loves fashion and style, who wants to be informed and also to enjoy himself, a man who looks beyond stereotypes.

Furthermore, Uno Bright is FSC ® mix credit or PEFC certified (on request) and available in 65 to 115 gsm substances with Gloss and Satin finishes.

More information concerning Uno Bright Gloss or Satin papers can be found at www.burgopapers.com

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

28.10.2013
 Carta & cioccolata

La cartiera inglese James Cropper ha annunciato lo sviluppo di un innovativo processo per il recupero degli scarti della lavorazione del cioccolato. Trasformate e  mescolate a fibra di cellulosa non sbiancata, le bucce delle fave – altrimenti scartate – contribuiscono a produrre una carta idonea per usi alimentari, e in particolare per dare un tocco in più di aromatica (e sostenibile) eleganza alle tavolette di cioccolata.

La richiesta di studiare e produrre un materiale  così specifico è arrivata alla cartiera inglese dall’azienda svizzera Barry Callebaut , partner dell’iniziativa e della ricerca – nonché fornitrice degli scarti di lavorazione -  alla ricerca di nuove forme di packaging per ridurre la propria impronta ecologica e migliorare il processo di recupero degli scarti.

Per ogni tonnellata di cacao in polvere prodotta vengono scartate 10 tonnellate di lolla (bucce) di fave di cacao. Il procedimento permette quindi di recuperare una parte consistente, altrimenti inutilizzata, delle bucce degli oltre 3,5 milioni di tonnellate di fave di cacao prodotte ogni anno.

La carta è entrata da poco in produzione ed è certificata per uso alimentare. Il procedimento per ricavarla – a differenza di altri – non richiede degradazione delle fibre o combustione: il risultato è una carta leggera con un delicato color cacao, ottenuto senza l’impiego di coloranti artificiali.

Questa volta si può davvero dire che la carta ha mostrato il suo lato più… dolce!

(via Sustainable Brands Immagine: James Cropper)

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

13.08.2013
 Post-it® Art: carta, colore e fantasia…

Confidenzialmente chiamato “giallino”, il Post-it® esordisce ufficialmente sul mercato statunitense nel 1980, ma la sua storia inizia circa quindici anni prima nei laboratori della 3M, dove il ricercatore Spencer Silver fallisce nel tentativo di realizzare un superadesivo, inventando solo una debole colla, che viene presto dimenticata.

Qualche tempo dopo un altro ricercatore, Art Fry – considerato il “papà” dei foglietti riposizionabili – recupera gli esperimenti di Silver per creare dei segnalibri. Che si tratti di leggenda o meno, nel libro A century of innovation (a pagina 38 del volume disponibile anche online che ripercorre i cento anni di storia della multinazionale americana), Fry racconta che l’idea gli è balenata mentre cantava in chiesa.

Una delle invenzioni di maggiore successo del XX secolo è anche protagonista di vere e proprie opere d’arte: vengono definite Post-it® Art e in rete alcune di esse sono particolarmente curiose e originali.

Un omaggio a “The King” Elvis Presley.
(Foto: ih8gates)

 

Circa 1800 Post-it® in 14 sfumature di colore per il suggestivo tramonto realizzato da Cody e Whitney di Clockwork.net (scaricabile come sfondo per pc, tablet e smarphone).
Foto: Clockwork.net

 

Nel 2011 a Parigi usando i foglietti adesivi è stato lanciato il contest Post-It Wars,  che ha rallegrato le altrimenti assai monotone vetrate dei grattacieli di uffici della Ville Lumière. Forse uno dei progetti più curiosi e comlessi è Projet Lune, che si ispira alle avventure di TinTin sulla Luna.
(Foto: Projet Lune).

 

Sempre nel 2011 Galeria Melissa ha collaborato con l’agenzia brasiliana Casa Darwin per ricoprire le pareti della sua sede di San Paolo del Brasile con oltre 350 mila Post-it®, in occasione del lancio di una nuova linea di calzature.
Foto: Galeria Melissa

 

E per finire una struttura in 3D realizzata con 30 mila Post-it® dall’architetto You Shimada, di Tato Architects, Giappone, in collaborazione con gli studenti della Kyoto University of Art and Design.
Foto: Designboom

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

19.07.2013
 Mosaico Specialty Papers a Labelexpo

Mosaico Specialty Papers, la Business Unit di Burgo Group specializzata nella progettazione, sviluppo e commercializzazione di carte speciali, sarà per la prima volta presente a LABELEXPO EUROPE 2013, dal 24 al 27 settembre a Brussels.

LABELEXPO EUROPE, con sette padiglioni, oltre 550 espositori e visitatori attesi da cento Paesi, è la più importante manifestazione fieristica mondiale dedicata al settore della stampa di etichette e imballaggi.

Tutta la gamma Mosaico per la stampa di etichette sarà esposta per la prima volta a LABELEXPO presso lo stand Mosaico, Hall 12, stand T74, uno spazio “aperto” per scoprire le molteplici possibili applicazioni per le carte monopatinate e i nuovi cataloghi per la gamma self-adhesive. Un maxi video wall , inoltre “racconta” le Specialty Papers Mosaico per il settore etichetta.

Un colorato e allegro pesciolino a pois, liberamente ispirato alle opere dell’artista giapponese Yayoi-Kusama, vestirà lo stand e aiuterà a mettere in risalto le caratteristiche delle carte Mosaico specifiche per il mondo del labelling, accompagnando i visitatori tra i prodotti e le soluzioni Mosaico.

Con un mercato europeo in netto sviluppo (l’utilizzo di etichette procapite in Europa è di 17 metri quadri a persona, superiore a qualsiasi altro mercato) soprattutto nell’Europa Orientale, dove la crescita raggiunge il 20 per cento annuo, LABELEXPO EUROPE 2013 è la vetrina giusta per presentare al mondo la gamma Mosaico di carte monopatinate specifiche per autoadesivi: carte monopatinate per frontali -  lucide e matt, anche per usi specifici come vino, superalcolici, retail, greaseproof per olio e aceto – e Clay Coated Kraft per siliconatura.

La dinamica Business Unit Mosaico, interamente dedicata alle carte speciali e alle soluzioni più innovative,  non offre solo prodotti, ma soprattutto soluzioni, perfino quelle a cui il cliente non ha ancora pensato… per garantire sempre migliori performance e riduzione di costi. In una parola: competitività.

Per maggiori informazioni:

www.mosaicopapers.com

www.labelexpo-europe.com/it

Mosaico Specialty Papers at Labelexpo

Mosaico Specialty Papers, the Business Unit of  Burgo Group specialised in the design, development and sale of special papers, will make its first ever appearance at LABELEXPO EUROPE 2013, from 24 to 27 September in Brussels.

LABELEXPO EUROPE, with seven pavilions, more than 550 exhibitors and visitors expected from one hundred countries, is the world’s most important fair dedicated to label printing and packaging.

The entire Mosaico label printing range will be exhibited for the first time at LABELEXPO at the Mosaico stand, Hall 12, stand T74, an “open” space to discover the multiple possible applications for one-side coated papers and the new catalogues for the self-adhesive range. A maxi video wall, also “tells the story” of Specialty Papers by Mosaico for the label sector.

A colourful and happy dotted fish, freely inspired by the works of Japanese artist Yayoi-Kusama, will deck the stand and help to highlight the characteristics of the Mosaic papers specific for the labelling sector, accompanying the visitors among the Mosaico products and solutions.

At a time when the European market is experiencing positive growth (In Europe, 17 square meters of labels per person are used, a figure which is higher than any other market) above all in Eastern Europe, where it reaches 20% per year, LABELEXPO EUROPE 2013 is the perfect window to present the Mosaic range of one-side coated papers specifically designed for self-adhesives: one-side coated gloss and matt face papers also for specific uses like wine, spirits, retail, greaseproof for oil and vinegar and Clay Coated Kraft for silicone coating.

The dynamic Mosaico Business Unit, entirely dedicated to specialty papers and to more innovative solutions, offers not only products, but above all solutions, even those which customers have not thought of yet… to guarantee ever greater performance and cost reductions. In one word: competitiveness.

For further details:

www.mosaicopapers.com

www.labelexpo-europe.com

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

12.07.2013
 La supercarta effetto foglie di loto

Nei laboratori statunitensi del Georgia Tech di Atlanta,  il Centro Studi del Georgia Institute of Technology sull’Industria della Carta, i ricercatori hanno creato un nuovo tipo di carta completamente repellente a una grande varietà di liquidi, compresi acqua e olio.

Perché ne parliamo qui? Perché questa tecnologia prende la buona vecchia carta che conosciamo, spezza le fibre di cellulosa in strutture più piccole usando un processo meccanico di “macinazione” (parliamo di misure piccolissime come micron e nanometri), riduce gli spazi tra le fibre di cellulosa e con l’aggiunta di fluorocarbon la trasforma in un materiale avanzato.

La carta così modificata può essere impiegata per la diagnostica biomedicale, riducendo drasticamente i costi di alcuni test, ma potrebbe trovare futuri impieghi anche nel settore del packaging, rivelandosi meno costosa di altri materiali idro-oliorepellenti.

Per produrre questo tipo di carta, che non ha ancora un nome commerciale, i ricercatori si sono ispirati al cosiddetto “effetto loto”: le foglie delle piante di loto sono superidrofobe, cioè particolarmente idrorepellenti e hanno la caratteristica di mantenersi pulite e asciutte. Per questa loro caratteristica sono considerate in molte culture simbolo di purezza.

Ancora una volta la carta mostra tutta la propria versatilità.

Foto by Gj Bulte

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------